IMG_1380

Eleanor Oliphant sta benissimo – Gail Honeyman

Se dovessi riassumere questo libro con due aggettivi sceglierei agghiacciante e tenero.

Agghiacciante perché quello che ha dovuto subire Eleanor durante la sua infanzia è a dir poco tremendo. E ciò che ne deriva, a partire dalla sua psicologia, è uno spaventoso cocktail di male subito e di senso di colpa estenuante ed ingiusto. Nonostante questo però, la protagonista sarà una spettacolare maestra nell’insegnarci che non dobbiamo vergognarci di ciò che siamo, che dobbiamo accettarci con pregi, difetti e stranezze.

Tenero invece perché l’autrice è riuscita a spiegare, attraverso piccoli ed apparentemente insignificanti gesti o dettagli (come un pullover rosso, una stretta di mano, un palloncino), una delle cose fondamentali della vita: il calore umano, e quanto questo sia fondamentale per tutti noi per poter sopravvivere, per darci forza, per avere fiducia, per poterci costruire o ricostruire.

Ed è infatti grazie alla scoperta delle relazioni umane sincere, senza doppi fini e senza pregiudizi, che Eleanor riuscirà ad uscire dal suo guscio di dolore e solitudine ed a lottare per ottenere la vita che vuole e che si merita. Queste relazioni, in particolare con Raymond ma anche con personaggi decisamente minori, sono state studiate in maniera così fine ed intelligente che leggerne l’evoluzione, per me, è diventato lo scopo della lettura di questo libro, oltre naturalmente ad avere a cuore la situazione personale della protagonista.

Insomma, vi ho già detto troppo (come sempre!) 🙂

Per essere al suo primo libro, la Honeyman ha davvero fatto un ottimo lavoro.

Voto su 10: 7.

Aspetto i vostri commenti 😉

 

 

2 Responses
  1. Da appassionata lettrice, ci trasmetti l’assoluta necessità di leggere ciò che ti ha veramente convinta, grazie delle tue generose recensioni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *