full stop

Cerca di essere un punto

Cerca di essere un punto.

Ho letto questa frase stampata sulla borsa di una ragazza, a Padova. Mi ha colpita perchè ho fatto fatica a capire subito cosa volesse dire. E dopo che l’ho interpretata, naturalmente a modo mio, mi è sembrata una delle frasi più belle che abbia letto negli ultimi tempi. Ma anche la più difficile.

Bello pensare di essere un punto – e con punto intendo un punto fermo – nella vita di una persona. Non intendo solo verso chi amiamo, anzi, forse questa l’ho pensata come ultima delle interpretazioni. Ho pensato al punto come essere una certezza, essere qualcosa di concreto, di certo. In generale, per chiunque vogliamo e per qualsiasi motivo.

Dopo un punto potrà esserci una nuova frase, si potrà andare a capo, concludere, riprendere da dove ci eravamo lasciati, voltare pagina. A prescindere, sappiamo però che quel punto c’è, è lì che ci aspetta, dà sicurezza. Non è bellissimo?

Come quasi tutto, facile a dirsi e meno facile a farsi. Essere un punto è decisamente impegnativo, definitivo, concreto (e hai detto poco…!). Ma se ci siamo arrivati o ci arriveremo la trovo personalmente una grande vittoria, per noi stessi prima di tutto, e poi per chi avrà la fortuna di considerarci un punto nella loro vita.

Ora potete dare voi libera interpretazione a questa frase che, più rileggo, più in realtà potrebbe avere altri cento significati. 🙂

2 Responses
  1. bella sta cosa e sta frase. Concordo. Credo che un punto, in generale, lo siamo per figli e genitori. E forse anche per gli amici più stretti. E son d’accordo che arriva molto dopo l’esserlo per un/a compagno/a. Però il punto, in assoluto, è anche uno stop. Certo una certezza ma pure uno stop che può essere positivo come un momento di riflessione. Ma pur sempre un’interruzione dello scorrere vitale. Ciao!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *